Cose da fare in Africa (oltre al safari)

0
225
cose-da-fare-in-africa

L’Africa è un continente così vario e le cose da fare non mancano di certo. E mentre celebrità si esibiscono in viaggi di nozze che includono dei safari, i grandi parchi naturali non sono l’unica attività piacevole da fare nel continente nero. Certo, la fauna selvatica è affascinante (e gli sforzi di conservazione sono importanti), ma dopo aver avvistato le zebre e cercato gli elefanti, prendi in considerazione la possibilità di esplorare altre possibili attività africane.

Che tu abbia pochi giorni o una settimana (o più) nel tuo programma di viaggio, ti consiglio di aggiungere all’itinerario alcune di queste attività, non ne resterai deluso. 

I cieli stellati più belli del mondo

È possibile vedere le stelle da qualsiasi parte del mondo. Ma la vista dalle zone più disabitate dell’Africa è forse la migliore che si possa trovare. L’assenza di luci cittadine contribuisce a creare uno scenario epico. Dopo una lunga giornata trascorsa a esplorare l’Africa, apprezzerai ancora di più questo privilegiato punto di osservazione.

Ci sono persino hotel e lodge dove è possibile soggiornare in condizioni di quasi oscurità per avere le migliori opportunità di osservare le stelle. In qualche modo, il cielo notturno è diverso senza la luce artificiale a cui siamo abituati in Europa. 

Il mio posto preferito per vedere il cielo stellato? Il Kidepo Valley National Park in Uganda, nell’angolo nordorientale al confine con Etiopia e Sudan del Sud.

Trekking

L’Africa è un continente enorme e dalla geografia molto varia. Dai vulcani alle caldere, dalle spiagge ai golfi, fino alle cime delle montagne innevate, l’Africa offre letteralmente ogni paesaggio immaginabile. Il Continente Nero comprende diverse catene montuose, tra cui le montagne dell’Atlante in Marocco, gli altopiani etiopici, la Great Rift Valley, i monti Ahaggar nel Sahara e altre ancora.

Puoi recarti in Tanzania per vedere (o scalare) il monte Kilimangiaro, andare in Kenya per il monte Kenya, visitare i monti Semien in Etiopia o andare a Città del Capo per visitare la Table Mountain (per saperne di più, continua a leggere!). Forse non si pensa all’Africa come a una regione amica degli escursionisti o dei backpacker, ma il clima è moderato in molte zone (ovviamente non nei deserti), quindi è possibile esplorare il continente quasi tutto l’anno.

Calarsi in corda doppia (o cavalcare) dalla Table Mountain

Se non hai mai sentito parlare di discesa in corda doppia, tieniti forte. La discesa in corda doppia consiste nel discendere una parete rocciosa, una montagna quasi verticale o un’altra superficie della stessa pendenza. In pratica, si tratta di una attività che non è adatta ai deboli di cuore. Detto questo, è sicuramente in grado di dare una scossa di adrenalina alla tua vacanza, quindi se non sei tipo da stare fermo o oziare in viaggio, questo potrebbe essere l’ideale per te. A Città del Capo, in Sudafrica, puoi scendere in corda doppia dalla Table Mountain o partecipare ad altre attività meno impegnative. La Table Mountain dispone anche di una funivia, che ti permetterà di ammirare il panorama da un punto più sicuro e tranquillo. In ogni caso, la vista è epica e ti consiglio vivamente di visitare Città del Capo solo per la Table Mountain.

Rilassati in spiaggia

Sapevi che isole come Comore, Seychelles, Mauritius e Madagascar fanno tutte parte del “continente” africano, anche se si trovano a migliaia di chilometri di distanza? Ciò significa che, oltre ai Paesi costieri, ci sono anche isole con spiagge paradisiache infinite che “contano” come parte dell’Africa. Certo, i paesaggi sono diversi da quelli a cui siamo abituati in altri luoghi tropicali, ma non si può negare che rilassarsi su una spiaggia in Africa possa essere l’esperienza di una vita.

Puoi anche visitare il pittoresco ma aridissimo deserto del Namib, che si estende lungo la costa della Namibia. Forse non è il massimo per rilassarti, ma è fantastico per la fotografia di viaggio! 

Assaggiare gli straordinari frutti di mare

I piatti tradizionali africani vanno dall’oshifima (pasta di miglio, verdure e carne) in Namibia al waakye (riso e fagioli) in Ghana, ma con le isole e i paesi costieri del continente, c’è anche molto pesce da gustare. Ogni paese e persino ogni città ha la sua cucina unica, ma c’è qualcosa in comune ai luoghi costieri: i frutti di mare.

La cucina delle Seychelles, in particolare, ha un’interessante influenza francese dovuta alla rivendicazione francese dell’isola nel 1756. La gente parla francese qui, così come a Mauritius. Sulle isole si trovano frutti di mare e crostacei (spesso accompagnati da riso) e molti piatti hanno un’impronta europea. Ma c’è anche il pesce cucinato in foglie di banano, che dà un’ulteriore vibrazione tropicale che ci si aspetta di vedere nel piatto! E non dimenticare di innaffiare il tutto con una noce di cocco fresca!